Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere utilizzati questo tipo di cookie sul proprio dispositivo.


giovedì 22 ottobre 2015, ore 20:30

Teatro Francesco Stabile, Potenza

 

compagnia Troubleyn/Jan Fabre
di Jan Fabre
testo, direzione e coreografia Jan Fabre
performer Cedric Charron
produzione Troubleyn/Jan Fabre
coproduzione Montpellier Danse

 

L'opera s'ispira alla vita di Cédric Charron. Vestito tutto di rosso e con una bombetta in testa, Charron emerge da una fitta coltre di fumo. Il novello Caronte avanza remando e tenendo in mano una lunga asta. Diradandosi la nebbia rivela la danza istintiva, violenta, animalesca, ossessiva e tenera di un figlio che rivolgendosi al padre lo supplica a più riprese di aspettare. Per potergli parlare, per rinviare la morte. È una discesa agli inferi intesa come luogo di transito.

Mai come in questo spettacolo, l'appellativo di "guerriero della bellezza" ben si addice allo straordinario performer Charron che mette in scena la sua storia personale. Per lui Fabre ha plasmato un assolo assai intenso per forza e potenza evocativa, trasportandoci dentro un viaggio spirituale ed emotivo sull'altra sponda del tempo. Lì vuole condurre il padre al quale si rivolge per tutto il tempo per prepararlo e accompagnarlo nell'ultimo passaggio della vita. Esaurito il suo appello, anima vagante e tremula, traghettatore dei vivi, stancamente remando ritorna nella nebbia per scomparire in essa.