Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere utilizzati questo tipo di cookie sul proprio dispositivo.

Sarà Matera la sede dei prossimi appuntamenti del Città delle 100 Scale festival, organizzati in collaborazione con il Polo Museale della Basilicata. Le nuove tendenze della danza internazionale saranno protagoniste assolute.

 

Venerdì 8 settembre, nel palazzo dell’Annunziata, con diverse repliche (ore 17.30 - 18.15 - 18.50 - 19.30), il collettivo MK porterà in scena Veduta>Matera, di Michele Di Stefano (coreografia) e Lorenzo Bianchi Hoesch (musica); con Biagio Caravano, Roberta Mosca, Laura Scarpini.
Il pubblico si troverà di fronte a un inedito punto di vista sul mondo: la danza entra nella città. E viceversa. L’idea è quella di trovare un equilibrio tra danza e contesto cittadino, tra aperto e chiuso, dentro e fuori. Lo spettacolo mette in discussione il concetto di visione per lo spettatore che si lascia guidare, come in un rituale, in un processo totalmente condizionato dal suono.
Per partecipare a questo spettacolo è necessaria la prenotazione. Basta inviare una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., specificando il turno di preferenza.

 

Domenica 10 settembre, alle ore 20.30, sempre a Matera, nel Museo Archeologico Nazionale Domenico Ridola, appuntamento con l’attesissimo Focus Young Arab Choreographers.
La nouvelle vague della danza contemporanea araba, dominata da uomini under trenta, con questo inedito focus Young Arab Choreographers sta attraversando diverse regioni d’Italia. L’iniziativa è sostenuta dal MIBACT, attraverso un network di undici associazioni e festival. Ai giovani artisti, selezionati all’interno del Beirut international platform of dance e in collaborazione con la Maqamat dance theatre di Beirut, il MIBACT e il MAECI, è offerta una tournèe in Italia, con la possibilità di sperimentare i propri spettacoli, incontrando pubblici, spazi e contesti molto diversi tra di loro.