Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere utilizzati questo tipo di cookie sul proprio dispositivo.

di fronte al dolore degli altri

 

venerdì 29 novembre / ore 20.30

Teatro Francesco Stabile


coreografia, regia, scene Virgilio SIENI
 

Undici coreografie che deflagrano nel gesto del dolore e della pittura nel ricordo di tragici conflitti recenti: Sarajevo, Kigali, Srebrenica, Tel Aviv, Jenin, Baghdad, Istanbul, Beslan, Gaza, Andijan, Kabul. Fotografie di corpi che si diluiscono attraversando la dinamica e la figura, cercando un approccio irrisolvibile all'orrore. Con la danza si evocano le macerie dell'esistenza con lo strumento etico e politico per eccellenza: il gesto. L'attenzione si sposta verso il corpo, il suo significato, la sua complessità e attualità. La sola risposta che si offre è ancora quella rivolta allo sguardo del pittore del '300: la sublimazione della tragedia nella trasfigurazione artistica senza commento, che coinvolge insieme l'umano e il sacro, il singolare e l'universale. Le undici danze hanno l'aspetto di ballate e allo stesso tempo sono una continua dedica in memoria, riferita agli eventi che segnano iconograficamente il tessuto coreografico.